mercoledì 6 marzo 2013

mercatino: CARAVAN EDIZIONI


Le ragazze di Caravan Edizioni hanno contribuito al Festival con la realizzazione dei manifesti e delle locandine. Il loro lavoro è in perfetta sintonia con lo spirito del Festival, poichè stiamo parlando di una cooperativa di donne che lavora per diffondere la cultura attraverso il mezzo stampato. La loro sede è addirittura alla Casa Internazionale delle Donne!

https://twimg0-a.akamaihd.net/profile_background_images/444022950/caravan_logo_facebook.jpg
Si occupano di editoria, grafica, web, traduzioni ed hano l'obiettivo raccontare il viaggio in tutte le sue forme possibili: dalla migrazione per necessità, alla fuga, all'esplorazione, al viaggio di piacere. 
Dal sito:"Il Caravan è il mezzo con cui lenti attraversiamo storie di ieri e di oggi, di migrazioni, di confini e d'incontri. La leggerezza anima i nostri libri, nei contenuti e nella forma, perché siano pratici e maneggevoli, perfetti compagni di viaggio. Un viaggio fatto nel rispetto della natura attraverso l'utilizzo esclusivo di carta riciclata certificata."
Il catalogo per ora non è vastissimo, ancora solo una manciata di titoli, ma sono tutti testi di altissima qualità e dal respiro internazionale, come Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina, di Olympe de Gouges, Spigoli, di Devor De Pascalis, Pensi che ci saremmo potuti conoscere in un bar, AA VV, Il nuvolo messaggero, di Aamer Hussein, La quarta sponda, di Daniele Combierati


E' molto simpatico questo post pubblicato sul loro Blog in cui si racconta come è nata l'idea della cooperativa, ve lo riporto qui: "Intorno a un tavolo ci guardiamo nascondendo dietro a un sorriso l’incertezza, mettendo via un po’ di personale insicurezza per far posto alla fiducia in un progetto. Si ride, si lavora. E gettiamo il cuore oltre l’ostacolo: si chiamerà Caravan Edizioni. Per l’idea di viaggio, il nostro e quello che ci racconterà ognuno dei nostri libri. E perché su un Caravan ci si va insieme, imparando a stare insieme.
Allora eravamo in sette, presto però l’equipaggio avrebbe avuto otto elementi più il mastro grafico. La ciurma del Caravan! Ci siamo ritrovati per caso, con un sogno nella testa, e siamo finiti con davanti un cappuccino e con un progetto fra le mani. Eravamo al bar di Villa Torlonia. Il primo incontro non si scorda mai. Roberta, Valentina, Marta, Serena, le quattro ruote del Caravan, e poi Vincenzo, Daniele, Norberto, Bruno e Flavio, compagni di molti viaggi. E una vecchia casa editrice a motore spento. Tutti con la voglia di partire.
È così che ci siamo messi in marcia!"

per info:


Nessun commento:

Posta un commento